Murano

Murano, come Venezia, raggiunge l’apice del suo splendore nel XVI secolo. La sua ricchezza è il vetro – fin dal 1291, anno in cui la Repubblica, a seguito di gravi incendi, vi concentra qui la sua fabbricazione – di cui si conservano gelosamente i tramandati segreti della lavorazione tradizionale. Anche Murano ha un Canal Grande incorniciato da palazzi, chiese, giardini, ed ha un grande ponte, il Vivarini, che divide l’isola in due.

 

Da visitare: le fornaci dove il vetro viene fuso e lavorato; il Duomo di San Donato, ricostruito nel XII secolo, con la sua splendida abside a porticato pavimentata in stile veneto-bizantino, dove si alternano le tessere colorate di mosaico marmoreo e quelle di vetro delle fornaci centenarie; il Museo del Vetro che, attraverso i suoi esemplari, racconta la storica tradizione dell’arte della lavorazione del vetro dai tempi più lontani.