Basilica di Santa Maria della Salute

Insieme a quella del Redentore, l’altra tradizione più sentita dai veneziani è la Festa della Salute . Si celebra per ricordare la fine della rovinosa epidemia di peste del 1630 (a questo doloroso periodo si pone anche l’origine del colore nero delle attuali gondole). La Basilica della Salute fu edificata su progetto dell’architetto Baldassarre Longhena su commissione del Senato della Serenissima come omaggio alla Madonna subito dopo la pestilenza. Esempio d’architettura barocca veneziana, si distingue per la caratteristica pianta ottagonale, per l’imponente massa marmorea su cui poggiano decine di statue e l’altissima cupola (la si può ammirare anche dalle nostre terrazze). Al suo interno, opere di Tintoretto e di Tiziano e statue di Giusto Le Court. La sua storia è fitta di leggende e misteri.